Un po di Storia

Un modello di rete, detto anche architettura di rete, si riferisce ad una serie di documenti che descrivono le singole funzioni utilizzate dalla rete stessa.

Alcuni si riferiscono ai protocolli utilizzati (una serie di logiche che gli strumenti devono utilizzare per comunicare), altri alla parte fisica (cavi e voltaggi) e altri ancora alle regole giuridiche come ad esempio la limitazione delle immissioni delle onde radio nelle reti wireless e la loro frequenza.

Tutti possono creare una propria rete che sia casalinga o aziendale, l’importante è rispettare le regole di cui sopra consultando i relativi documenti chiamati RFC.

Il modello di rete attualmente più utilizzato è il TCP/IP (Trasmission Control Procotol / Internet Protocol), questo modello però non è stato anche il primo ad essere inventato, una volta non esistevano protocolli di rete ed è qui che entrò in gioco IBM.

Nel 1974 IBM pubblicò il suo primo protocollo di rete (Proprietario) chiamato SNA (Systems Network Architecture), le altre società fecero lo stesso.

Con così tanti modelli proprietari, la conseguenza fu quella di trovarsi davanti a reti molto complesse sia per gli utilizzatori sia per chi gestiva la parte networking delle aziende al fine di garantire l’interoperabilità.

Già dalla fine del 1970 però, si stava lavorando alla creazione di un modello che potesse garantire una vita più facile agli addetti ai lavori.

La standardizzazione delle reti avvenne nel 1983 quando la società ISO (The International Organization for Standardization) creò il modello OSI (Open System Interconnection).

Nello stesso periodo il Dipartimento Della Difesa Americano in collaborazione con volontari universitari, diedero alla luce l’altro modello più diffuso attualmente, il TCP/IP.

Negli anni 90 le compagnie inserirono questi modelli nelle loro aziende fino a quando tra la fine degli stessi e l’inizio del nuovo millennio, il TCP/IP divenne quello più utilizzato.

Attualmente il modello OSI non è stato abbandonato del tutto, ma viene utilizzato ancora come modello di studio, il TCP/IP ha “vinto” la battaglia in quanto la sua comunità è sempre stata aperta a tutti e non ad una cerchia selezionata di persone, consentendo così di allargarne e accelerarne lo sviluppo.

Annunci
Pubblicato in Networking | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Inauguro la sezione micro solutions con una piccola guida su uno degli antivirus gratuiti più utilizzati, Antivir.

Mi è capitato di incappare nell’errore del file ccplg.xml necessario per la disinstallazione del programma, ecco la soluzione funzionante che ho adoperato:

(calcolate che l’errore compare anche ad ogni avvio del pc, la soluzione seguente prevede l’eliminazione del software e la sua reinstallazione)

1) Scaricare il pacchetto di installazione più recente dal sito Avira

2) Salvare, in separata sede, il file hbedv.key (contenete il seriale) dalla cartella di installazione principale

3) Avviare il pc in modalità provvisoria (premendo F8 all’avvio)

4) Eliminare manualmente le cartelle antivir sotto C:Programmi(x86) per W7

5) (Installando Antivir da zero) In caso di errore di mancata disinstallazione del file shlext.dll, scaricare il registry cleaner di avira direttamente dal sito del produttore (tool comunque utile per la pulizia dei file previa reinstallazione) ed avviarlo

6) Dopo la pulizia del registro, eliminare tutte le cartelle avira sotto C:ProgramData, C:Document&Settings\all users\applicationdata (per W7 è sotto C:Users)

7) Riavviare il pc in modalità normale e reinstallare Antivir

8) Copiare e Tagliare il file hbedv.key nella cartella di installazione

9) Avviare Avira Antivir

ENGLISH VERSION

Welcome to Micro Solutions! here one of the latest MS about one of the most Popular free antivirus worldwide.

Few days ago I met the ccplg.xml error during the antivir uninstall, the same error appear every time I start-up the Pc, here my solution (It works even for reinstallation purpose)

1) Download the latest installation packet from Avira website

2) Copy, from the main installation folder, hbedv.key file (containing the serial code) and paste in another location (We’ll need it later)

3) Start the Pc in safe mode (press F8 after power on)

4) Manually delete all the Antivir folders under C:Programs(x86) for W7.

5) If during the re-installation of Antivir error “shlext.dll is missing” appear, download from Avira website the official registry cleaner tool and execute it

6) After the registry clean, delete all the folder under these path C:ProgramData, C:Document&Settings\all users\applicationdata (C:Users for W7)

7) Reboot the pc and re-install Avira Antivir

8) Copy the hbedv.key file and paste it under the main installation folder

9) Start Antivir and enjoy.

Pubblicato in Micro Solutions | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Networking – Introduzione

Il networking è una delle materie base del settore informatico, è il principio per capire come funziona la rete, da quali elementi è composta e come questi funzionino in modo sinergico.

Iniziamo

Cos’è una rete?

Un rete è una combinazione di elementi o per meglio dire apparati che, collegati fra loro, riescono a scambiare dati e informazioni.

Prendiamo come esempio un piccolo ufficio, gli elementi che lo compongono sono pressapoco sempre gli stessi, anche informaticamente parlando:

PC, Server, Router e Switch; ma vediamoli in questa rappresentazione di un LAN (local area network)

Network Map Simple

In questa immagine possiamo vedere come 2 pc con 2 telefoni ip, 1 portatile e 1 Server siano collegati fra loro da un unico mezzo centrale, lo switch e come questo sia l’elemento che mette in comunicazione gli apparati interni con quelli esterni (router e internet).

Le linee nere rappresentano invece i cablaggi di cui parleremo nello specifico più avanti.

Facciamo quindi un passo indietro, a chi non è mai capitato di dover collegare ad internet il proprio pc utilizzando il cavo di rete?? quel cavo ha un nome specifico, si chiama RJ45 o cavo Ethernet ed è quello più comunemente utilizzato per connettere fra di loro gli apparati.

Solitamente in ufficio o a scuola, vediamo questo cavo uscire dalla porta Ethernet del nostro Pc ed entrare in quella corrispondente a muro o nei pozzetti (punti rete numerati) una volta effettuato il collegamento, siamo pronti a navigare su internet o nella rete interna (intranet).

Cos’è che però fa funzionare il tutto? e come avviene la comunicazione nello specifico?

Queste domande troveranno risposta nel prossimo capitolo: I modelli OSI e TCP/IP

Pubblicato in Networking | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Il Mondo IT

Quando si parla di IT il tipico interlocutore pensa al pagliaccio creato dalla mente geniale di Stephen King, in realtà è il semplice acronimo di Information Technology, vediamo nello specifico di cosa si tratta.

Information Technology è un termine che racchiude tutto il significato di ciò che riguarda il mondo dell’informatica, si spazia dal semplice computer di casa fino alle sofisticate tecnologie usate dalle più importanti aziende mondiali.

Si tratta di un settore talmente vasto che non basterebbe una vita per poterne apprezzare tutte le sue sfaccettature ed è quindi doveroso occuparsi di ciò che maggiormente riesce meglio al cosiddetto  “tecnico” (termine che ormai viene affibbiato a tutti coloro che sanno aggiustare qualcosa).

Questo blog nasce dalla mia passione nel settore e principalmente per poter condividere quelle che sono le mie conoscenze nel campo, con assoluta umiltà e senza la presunzione di dover insegnare qualcosa a qualcuno.

Mi piace pensare a questo blog come ad un memo, dove ognuno possa andare a rivedere gli argomenti che intessano e perchè no, consigliare e dare giudizi secondo la propria opinione.

Concludo il primo post con in cantiere una serie di idee da sviluppare per poter rendere questo spazio il più interessante possibile e spero anche di aiuto a tutti coloro che vogliano avvicinarsi a questo mondo, il Mondo IT.

Paolo

 

Pubblicato in Principale | Contrassegnato , , | Lascia un commento